VIDEO EFFICACI: le donne insegnano ad AUMENTARE I CLIENTI con i webinar

VIDEO EFFICACI: le donne insegnano ad AUMENTARE I CLIENTI con i webinar

COME RUBARE BELLEZZA E BRAVURA ALLE DONNE PER IMPARARE A BUCARE DAVVERO LO SCHERMO

SpecchioChe vuoi conoscere mia Regina?
ReginaSpecchio, servo delle mie brame, chi è la più bella del reame?
SpecchioBella, tu sei bella oh mia Regina, ma attenta: al mondo una fanciulla c’è, vestita sol di stracci, poverina, ma ahimè, assai più bella è di te!

La riconosci? È proprio la fiaba di Biancaneve: il racconto di una giovane ragazza che viveva con 7 nani e che aveva solo una colpa: essere più bella della regina del regno in cui viveva.
Quest’ultima infatti, invidiosa dell’aspetto della ragazza che tutti ammiravano, decise di toglierla dalle scene con una mela avvelenata: un solo morso e…PUNF (l’hai sentito il tonfo!?)!
Questa cade in un sonno profondo che solo un bacio di vero amore può risvegliare.

[Tralasciando i traumi adolescenziali e lo stereotipo che vengono alimentati dall’idea di una ragazza che fa da serva, madre e moglie a ben 7 uomini, ma che a sua volta si sveglia dopo anni e sposa uno sconosciuto…quindi torniamo sul pezzo.]

Oggi le cose sono un po’ cambiate, e le donne che tutti invidiano non sono generalmente vestite di stracci.

[No, infatti: o sono vestite di tutto punto o sono svestite. Per tranquillizzare i cuori più puri: in questo articolo ci soffermeremo solo sulla prima categoria, niente paura!]

Sono cambiate anche perché, oltre alla bellezza, oggi si può ammirare bravura e la padronanza che queste dimostrano nei più svariati contesti e settori lavorativi:

dal marketing alla vendita, passando per la ricerca e il management,

le donne ricoprono sempre più figure di rilievo, e sono un punto di riferimento per chiunque decida di intraprendere una carriera in tal senso.

[“Si ma…oltre alla solita sviolinata per elogiare il girl power, c’è qualcos’altro da aggiungere oppure ci limitiamo a questo?” SÌ, adesso ci arriviamo! Se più tardi vorrai approfondite c’è il dossier “Trova l’intrusa” di Openpolis, dove trovi ben descritta la situazione attuale sulle posizioni che le donne ricoprono nel potere europeo]

Così, come per la politica e il potere, ecco che anche per quanto riguarda:

video, webinar e public speaking
le donne hanno qualcosa da insegnarci.

In questo articolo andremo ad osservare come queste utilizzano le migliori tecniche per parlare in pubblico, messe in pratica nell’organizzazione dei efficaci webinar presenti sulla scena internazionale.
Andremo a rubare i segreti del mestiere, per imparare a stregare i partecipanti dei propri eventi, attirando più pubblico di uno spettacolo di Dita Von Teese.

[“MA COMEEEEEEEEE! Non si era detto che si sarebbe parlato solo di donne con i vestiti?!”]

Si si, hai ragione.
Torniamo ad esaltare la femminilità anche con più vestiti addosso…e dunque parliamo proprio di

VESTITI ADATTI ALLE RIPRESE VIDEO

La regina di questo è senza dubbio Marie Forleo, una life coach americana che a 26 gira 4 video in cui insegna lezioni di fitness, viene contattata dalla Nike e ne diventa testimonial…e poi BOOOM: nel 2014 entra tra le 500 aziende al mondo a spiccare per il più rapido ritmo di crescita.

Oggi, imprenditrice e motivatrice di fama mondiale, promuove se stessa attraverso il suo sito e i suoi webinar e video pubblicati in Marie TV.

In ogni video lei è IM-PEC-CA-BI-LE.
Non c’è altra parola per descrivere la cura dei capelli, la scelta degli accessori e dell’abbigliamento che adotta per ogni sessione di riprese.

abbigliamento-adatto-ripresa-video
marie forleo cura nei video

Ogni sua mise è perfettamente in linea con l’ambiente circostante, il cosiddetto

SETTING, curato anch’esso in ogni dettaglio

Le piante e i fiori freschi, le tazzine “fintamente” disposte in modo disordinato, i cuscini, i quadri…TUTTO è curato e trasmette la rilassatezza di un ambiente familiare, un’aria di casa.

[“Quindi, esiste la possibilità di poter utilizzare uno sfondo diverso rispetto alla classica libreria piena zeppa di libri e foto di famiglia, che da anni viene utilizzata in ogni video per trasmettere il messaggio: guarda-quanto-ho-studiato-e-quindi-quanto-sono-intelligente?” EBBENE SI, è possibile.]

Lo stesso dicasi per le scelte delle ambientazioni dei webinar di Linda Bjork, autrice del libro “INNER BUSINESS Training Your Mind for Leadership Success” e relativo corso disponibile online.
La sua scelta stilistica apporta un’ulteriore cura del dettaglio: la speaker utilizza sempre un abbigliamento scuro, che la fa risaltare maggiormente rispetto all’ambientazione dai toni sempre molto tenui.

la migliore ambientazione per riprese video

Se si osserva la foto un altro dettaglio risalta subito agli occhi: i giochi di luce ed ombra che compensano sapientemente gli spazi chiari della parete sullo sfondo.
Rispetto ai webinar generalmente trasmessi nei più disparati angoli del web, si nota con piacere

L’uso della LUCE NATURALE

Quella tanto demonizzata luce chiamata ‘sole’ viene etichettata come il peggiore dei mali quando si decide di utilizzarla durante le riprese video. È vero: può essere instabile (una nuvola di passaggio che copre il sole e fa cambiare la luce nella stanza, una giornata di diluvio che farebbe rattristire anche il più felice dei bambini e che quindi rende tutta l’atmosfera un po’ più grigia), ma in realtà, basta sapere come utilizzarla.

È sempre possibile dare un “aiutino” artificiale alla luce che entra dalle finestre, pur mantenendo la bellezza dell’effetto naturale che crea.

Ed è necessario stare attenti alla sovraesposizione rispetto ad una singola fonte di luce

sovra esposizione alla luce è un errore- da evitare

E alla sottoesposizione

problema poca luce che illumina relatore durante webinar

L’effetto che ne deriva sarebbe ugualmente “genuino”, anche se migliorabile.

Troviamo una magistrale padronanza della luce solare anche nei video di Callan Rush, una donna che ha incentrato tutta la sua carriera e il suo business sulla capacità dei webinar di attrarre potenziali nuovi clienti.

esempio di webinar efficaci

Ci accoglie in compagnia del suo ospite direttamente nell’ingresso di casa sua, in una splendida giornata di sole. La ripresa video viene fatta nell’arco di tempo in cui la luce può illuminare la finestra alle spalle dei relatori in primo piano, facendo entrare un caldo e distensivo raggio di sole che va ad accarezzare il tavolo sullo sfondo, dove c’è posizionato sopra un vaso di fiori da far invidia a un’esposizione floristica.

Anche lei, come le sue colleghe “amanti del dettaglio” incontrate poco fa, non lascia nulla al caso [hai notato la maglia in tinta con i toni dell’orchidea sulla sinistra, vero?!], compresa

la gestualità

In un precedente articolo avevamo elencato i 10 trucchi che tutti i relatori che partecipano agli eventi dovrebbero conoscere. Tra questi si sottolinea la necessità di utilizzare movimenti di apertura nei confronti del pubblico, ma non troppo ampi [stile “gabbiano che spicca il volo”, per intenderci]:

la parte superiore del braccio, quella dalla spalla al gomito, non dovrebbe mai allontanarsi troppo dal busto, mentre l’avambraccio può “concedersi” movimenti più liberi, ma mai troppo espansivi.

Questo da un senso di compostezza e al contempo di accoglienza verso chi sta di fronte ad ascoltare, verso il monitor o palco che sia.

Lo stesso dicasi per l’ATTEGGIAMENTO sempre solare ed espansivo nei confronti della telecamera, abilmente esaltato da

UN’INQUADRATURA ATTENTA E PROFESSIONALE

Nessuna webcam con annessa ripresa dal basso [se il problema del sotto mento non ti tocca meglio per te, ma questo non vuol dire che un’inquadratura in direzione delle narici sia comunque un bello spettacolo, soprattutto in contesti business, quando c’è in gioco l’immagine della tua azienda].

Nessun elemento fuori campo o sbaglio nella centratura del punto focale , anzi:

un ottimo bilanciamento dei vuoti e dei pieni (gli elementi vengono disposti in modo da riempire in modo omogeneo lo spazio attorno al soggetto) e una messa a fuoco abilmente impiegata, fanno di questi webinar un risultato professionale.

esempio webinar professionali con setting adeguati

Infine,

NON CI SONO ELEMENTI DI DISTURBO
TRA IL RELATORE E IL PUBBLICO

Non una scrivania, non un tavolo, e nemmeno un PC: al massimo è utilizzato un iPad per permettere al relatore di tenere traccia degli argomenti da proporre durante la diretta.

In questo modo non si esprime distacco verso i partecipanti e non si inseriscono ostacoli alla comprensione dei contenuti presentati…perché il linguaggio del corpo conta molto più di quanto si possa immaginare, e non vedere cosa “c’è dietro” perché una scrivania si mette di mezzo, significa non poter credere fino in fondo alla persona che sta di fronte a noi.

[Per non parlare poi della situazione “professore VS studente” che si attiva se compare in video un qualsiasi tipo di cattedra…di certo non incentiva l’apertura all’ascolto, soprattutto se a confrontarsi ci sono professionisti consapevoli].

Marie Forleo webinar di successo

Dopo questa bella carrellata di complimenti verso il mondo femminile, ci duole sottolineare un dettaglio…tra gli esempi proposti non c’è una donna italiana.

[“Eh…in effetti è vero…ma questo stile non è troppo americaneggiante per il contesto italiano?”]

NO. Questo stile è PROFESSIONALE.

Questo approccio porta a raggiungere il vero obiettivo per cui i webinar vengono proposti:

AUMENTARE LE POSSIBILITÀ DI CONTATTO
CON DEI NUOVI CLIENTI

E poi, se in Italia ancora in pochi si propongono al pubblico con un aspetto poco originale e banale…motivo in più per essere i primi!
😉

Scopri di più su come organizzare webinar B2B che ti faranno riempire l’agenda di appuntamenti:
CHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA!

Compila la form qui sotto, e verrai ricontattato da Paola, la nostra account manager, per ulteriori informazioni.
Senza impegno.

Scrivici!

SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

CONOSCERAI TUTTO SUL WEBINAR B2B

(è gratis!)