“WIFI FOR DUMMIES” vol.3 | Quali sono gli Access Point giusti per le Wi-Fi degli eventi

“Wi-fi for Dummies” vol.3 

Quali sono gli Access Point giusti per le WiFi degli eventi?

Nei precedenti due articoli abbiamo illustrato in dettaglio come valutare la connettività e la Wi-Fi di una location per capire se possa essere adeguata alle necessità di un evento.  

 

In particolare nell’articolo “WIFI FOR DUMMIES” vol.2 | Come valutare la connettività? abbiamo distinto tra elementi tecnici che realizzano la rete interna della sala e/o della location (Access Point e Router) e la connettività Internet vera e propria. 

 

Oggi ci occupiamo proprio di Access Point, presumendo che, come spesso accade, il tipo e la qualità del Router sia coerente con quest’ultimo. Perchè parliamo di Acces point? In primo luogo perché sono questi ultimi a dover gestire il vero elemento critico del traffico, ossia le connessioni con gli smartphone e/o i tablet. E in secondo luogo perché si tratta degli elementi più semplici da valutare, essendo solitamente i più visibili..  

Come Valutare la Wi-Fi di una location

Free wi-fi location eventi

DISCLAIMER: le note che seguono sono dedicate a un pubblico non tecnico. Le informazioni contenute nell’articolo solo ultra-semplificate, in modo da risultare accessibili anche a chi non possiede basi di elettronica. Eventuali errori e/o omissioni sono voluti per dovere di semplicità. Le informazioni fornite devono essere utilizzate per una prima valutazione sommaria degli apparati, non per valutazioni d’acquisto di apparati e/o benchmark di diversi fornitori. 

 

Il parametro che deve guidare l’organizzatore di eventi nella valutazione della Wi-Fi di una location, come si è visto nell’articolo precedente, è il numero di device che si dovranno connettere a Internet, che il più delle volte corrisponde più o meno al numero di partecipanti oltre a un certo numero per gli organizzatori e lo staff. Se si vuole andare sul sicuro, va aggiunto un altro 15-20% di device in più per i malati che collegano sia smartphone che notebook o tablet.

Per esempio se è previsto un evento da 80 persone che dovranno utilizzare un iPad fornito in sala per accedere a delle esercitazioni / contenuti online e nello staff ci sono 15 persone tra tecnici, organizzatore e cliente finale, si dovrà prevedere di gestire circa 110-120 dispositivi diversi connessi alla Wi-Fi.  

Un esempio pratico

Ora, supponiamo di fare un sopralluogo in una location per un evento da 100-150 partecipanti e di dover valutare la situazione in termini di Wi-Fi per capire se può essere adeguata.  

Il più delle volte, a domanda diretta, rivolta ai tecnici della location: “dobbiamo dare la Wi-Fi a tutti i partecipanti, l’architettura di rete è adeguata?” la risposta potrebbe essere una combinazione delle seguenti: 

 

  1. Devo verificare con il Direttore se è prevista 
  2. Si certo, costa 5 € a partecipante 
  3. Si abbiamo la fibra, 100 mega 
  4. Fino ad oggi nessuno si è mai lamentato 
  5. Abbiamo la Wi-Fi dell’albergo gratuita

 

In ogni caso, se la risposta rientra in uno dei casi precedenti traducetela con NO. NON ABBIAMO UNA WI-FI DECENTE O, PER LO MENO, NON ABBIAMO IDEA DI COSA CI STATE CHIEDENDO. 

 

Magari la Wi-Fi è anche buona, ma con questo livello di risposte ciò che non è adeguato è senz’altro la professionalità dei tecnici che la gestiscono. Per cui, per non sbagliarsi, è meglio optare per soluzioni alternative.  

 

In realtà è la domanda ad essere volutamente lacunosa di informazioni importanti a capire l’uso che verrà fatto della Wi-Fi, per cui l’unica risposta possibile dovrebbe essere: 

“mi spiegate bene cosa ci dovete fare?”  

 

Gli elementi importanti sono: 

  • Quanti device dovranno connettersi CONTEMPORANEAMENTE alla rete  
  • Quanta banda verrà usata da ciascun device in download e upload 

 

Iniziamo con l’analisi della contemporaneità; la gestione dei requisiti di banda sarà invece oggetto di un articolo successivo. 

Quali sono le tipologie di Wi-Fi?

tipologie di wifi

Prima di entrare nel merito di come effettuare una veloce valutazione della infrastruttura di rete occorre fornire qualche informazione tecnica.

Il Wi-Fi è un termine semplificato per indicare una famiglia di protocolli di rete basati su sistemi di trasmissione e ricezione radio sulla frequenza dei 2,4 Ghz e che prende il nome di “standard 802.11” a cui segue una lettera che indica la “versione” dello standard.

Più la lettera è all’inizio dell’alfabeto (tipo a, b, e) più lo standard è vecchio e “lento”. Le versioni più moderne e veloci dello standard sono le 802.11g, 802.11n e 802.11ac. In particolare, la grande novità delle ultime due, “n” e “ac”, è che supportano una frequenza di banda differente dalle precedenti: i 5Ghz 

Il vantaggio delle reti “n” e “ac” è triplice: 

  • La frequenza a 5Ghz è meno affollata da dispositivi vari e quindi il segnale è più pulito 
  • Lo standard “ac” supporta una velocità di trasmissione maggiore dei precedenti, quindi la rete è più veloce. 
  • Sui 5Ghz, anche a parità di affollamento. È possibile distribuire i dispositivi su più canali e quindi è più facile che il segnale risulti pulito e non disturbato da altri dispositivi 

Insomma, dovrebbe essere chiaro che se l’Access Point supporta lo standard 802.11ac è meglio. Come si fa a saperlo? Basta una veloce ricerca su Internet a partire dal modello che il tecnico della location deve essere in grado di comunicarvi…  

 

Come calcolare il numero di Access Point 

Tornando alla trasmissione basata su antenne radio, in generale una antenna Wi-Fi su una specifica banda riesce a gestire dai 15 ai 30 dispositivi (a seconda della qualità dell’access point). Quindi, in modo semplice e grossolano ma efficace, un Access Point con due antenne potrà gestire 30-50 dispositivi se funziona solo sulla banda “vecchia” dei 2,4 Ghz e una 80-ina se funziona anche sulla banda “nuova” dei 5 Mhz.

Il motivo per cui, nel caso di dual band, si contano meno dispositivi, è che non tutti gli smartphone e i tablet accedono alla banda dei 5 Ghz (p.e. il primo iPhone che supporta pienamente lo standard 802.11ac a 5Ghz è stato l’iPhone 6). Per cui, per sicurezza, riduciamo leggermente i numeri di possibili accessi contemporanei.  

Pertanto, durante il sopraluogo si potrà fare riferimento alla seguente tabella: 

 

ACCESS POINT  ANTENNE PER A.P.  Utenti in 2,4 Ghz  Utenti in 5 Ghz 
1  2  30-50  80 
  3  40-60  100 
2  2  60-90  120 
  3  70-110  140 

 

Il motivo per cui i numeri non sono esattamente proporzionali al numero di Access Point e di antenne è che subentrano anche logiche di dimensione sala, potenza del segnale e raggiungibilità di un access point dai dispositivi.

Per semplificare si può dire che un dispositivo, a parità di altri fattori, cerca sempre di accedere all’access point più vicino (perché dovrebbe essere quello che il cui segnale ha maggiore potenza). Pertanto se si collocano due access point in una stessa sala, uno a fondo sala e uno in mezzo alla platea, è probabile che il secondo riceverà molti più tentativi di accesso del primo.  

Come scegliere l’Access point

Un altro elemento che può aiutare nel discriminare la qualità della connessione Wi-Fi della sala è dato dalla marca dell’access point. Questo perché alcuni produttori sono specializzati in reti di livello enterprise, e forniscono i propri apparati anche di sistemi di controllo e bilanciamento del carico che sono fondamentali per gestire le situazioni di congestione.

Altre marche, invece, hanno grande successo nel mercato consumer, ma non sono adeguate a gestire situazioni di uso intensivo e alta concentrazione di dispositivi. Ovviamente ci sono sempre le eccezioni, ma qui diamo semplicemente informazioni di carattere generale, per aiutare i non addetti ai lavori a capirci qualcosa. 

 

Produttori PREFERIBILI Produttori DA EVITARE
Cisco  Zyzell 
Aruba Networks  Netgear*  
Peplink  Asus 
SonicWall  D-Link 
Aerohive  Linksys 
  Ubiquiti* 
  Engenius 
  TP-Link 

* questo produttore ha anche prodotti di livello Enterprise di buon livello, ma è sempre meglio farsi una domanda in più che una in meno. In tal caso si suggerisce di verificare con attenzione il modello.

**Per maggiori informazioni in merito ai produttori di hardware di rete, si faccia riferimento a quanto riportato da Gartner nel suo quadrante magico per le infrastrutture di rete. (il pdf relativo al quadrante 2016 è disponibile qui: https://files.jocke.no/b/gartner-wireless-august2016.pdf

 

A questo punto, sulla base di marca ed eventualmente modello dell’Access Point e del numero di antenne (e frequenza di lavoro) dovreste essere in grado di stimare almeno in prima approssimazione se la Wi-Fi della location può essere adeguata alla gestione delle contemporaneità di accessi. 

Scarica GRATIS la guida completa!

Compila il form

(KEEP CALM! Odiamo lo SPAM quanto te!)

guida-wifi-per-eventi-miniatura
Recommended Posts