ECCOLE!! Tutte le anticipazioni per la stagione di Eventi 2017

ECCOLE!! Tutte le anticipazioni per la stagione di Eventi 2017

“8 secondi.”

Questa è la finestra temporale entro la quale devi catturare l’attenzione della tua audience, altrimenti non ti terrà in considerazione.

Cosimo Finzi, direttore dell’Istituto Astra Ricerche -il più autorevole centro di monitoraggio nazionale sul mercato degli eventi in Italia- inizia con questo dato il suo intervento a Bea Educational 2016.
Una carrellata di previsioni sull’andamento del mercato degli Eventi nel 2017 che noi vogliamo anticiparti qui in anteprima dopo aver partecipato all’incontro a Roma.

La ricerca esposta in apertura mostra un calo dell’attenzione continuativa del pubblico di ben 2 secondi rispetto alla rilevazione relativa ad un paio di anni fa.
Questo significa che se il contenuto che proponiamo -o il modo in cui lo stiamo veicolando- non è efficace abbiamo perso la possibilità di trasmettere ciò che volevamo.
Se guardando uno spot televisivo di 30 secondi non ci sentiamo coinvolti subito, non guarderemo nemmeno i 22 secondi restanti.

È necessario aggirare l’ostacolo e trovare un modo per dare “lunga vita” ai messaggi che vogliamo far arrivare al destinatario. E per fare questo vengono in supporto loro: gli Eventi.

Le persone che assistono ad un evento hanno un livello di comprensione del contenuto incredibilmente superiore.
Le cifre stimate vanno dal 32 al 67% in più rispetto a chi assiste, per esempio, ad uno video promozionale.

Il coinvolgimento e la memorabilità del brand raggiungono volumi più alti sin dalle prime analisi, dimostrando come i partecipanti all’evento associno più facilmente il marchio al messaggio e ai valori correlati.

Per questo motivo viene confermato l’investimento delle aziende italiane nell’organizzazione di eventi per almeno 1/5 del budget annuale.
Quelle realtà che hanno deciso di sospendere l’applicazione di questo strumento comunicativo sostengono di voler tornare ad organizzare eventi quanto prima, trattandosi solo di una pausa temporanea che non apporta benefici, anzi.

L’idea di investire in questo contesto coinvolgerà 3 aziende su 4 nei prossimi 24 mesi, con un aumento di circa il 50% rispetto all’investimento destinato finora.
Una controtendenza che finalmente sovverte il calo dovuto alla crisi mondiale del 2008, che vede finalmente la conferma della crescita avviatasi timidamente nel 2014, che oggi invece trova un ampio spazio di manovra tra le righe dei bilanci.

Diminuisce però la varietà degli eventi selezionati.
Se un tempo si proponeva al proprio pubblico un “assaggio” di ogni idea presente sul mercato degli Eventi, oggi l’elemento che traina maggiormente le scelte aziendali è l’Unconventional.

Tornano a crescere gli eventi interni all’azienda, quelli dedicati al contesto BtoB e, sorprendentemente, quelli nel mercato BtoC.
Gli eventi di lancio di prodotti erano diminuiti in seguito alla crisi, mentre ora ritornano con il segno positivo indicando un contesto più effervescente, trainato dalla richiesta di questo tipo di situazioni comunicative.
Perdono invece di attrattività i Congressi, i Convegni e gli eventi Low Budget.

A far davvero ben sperare è il reale cambiamento di mentalità in atto all’interno degli uffici di Marketing e Comunicazione di tutta Italia.
Organizzare eventi non è più considerato un privare di risorse altre aree d’investimento ma, anzi, viene visto come un’aggiunta di valore vera e propria, più utile per ottenere risultati concreti verso i propri Leads.
Gli eventi sono sempre meno usati in modo tattico e risultano quindi parte integrata della strategia di comunicazione dell’azienda.

Infine, ecco un rapido tour sulle keywords da conoscere per non farsi trovare impreparati nei prossimi mesi:

keywords mercato Eventi 2017

keywords mercato Eventi 2017

Prima e incontrastata si attesta la componente di entertainment con un 32%. Anche la digitalizzazione resta un elemento sul quale puntare, mentre le parole ‘innovazione’ e ‘cambiamento’, fin troppo inflazionate, perdono inevitabilmente appeal.
L’aspetto di coinvolgimento e la componente tecnologica restano dunque due capisaldi anche per la stagione 2017.
Non resta dunque che raccogliere più idee possibili durante quest’estate, per tornare frizzanti verso una nuova rassegna di eventi!

Recommended Posts